DOCCOM
AGENZIA
DI COMUNICAZIONE
A RISORSE ILLIMITATE
WIDESPREAD ONLINE
AGENCY WITH
UNLIMITED RESOURCES
Seguici sui social

info@doc-com.it

Cerca

Raccogliere in un’unica voce le filiere del mondo della musica, della danza, del teatro e dello spettacolo dal vivo in spazio pubblico, per dare risposte concrete all’emergenza Covid in ambito artistico e programmare la ripartenza. Ecco l’obiettivo del Forum dell’Arte e dello Spettacolo, presentato ufficialmente oggi nell’ambito dell’appuntamento di apertura di Tempo di Rinascita, rassegna di conferenze digitali organizzata da DOC-COM, agenzia di comunicazione e business unit della rete Doc Servizi.

Dopo il doveroso omaggio tributato a Ezio Bosso, Paolo Fresu, Frankie hi-nrg mc e il presidente Doc Servizi, Demetrio Chiappa, insieme al giornalista Roberto Pavanello hanno condotto un dialogo a più voci con Luca Bergamo (Assessore alla Crescita Culturale e Vice Sindaco Comune di Roma), Filippo del Corno (Assessore alla Cultura Comune di Milano), Matteo Lepore (Assessore alla Cultura e al Turismo Comune di Bologna) e Tommaso Sacchi (Assessore alla Cultura, alla Moda, al Design Comune di Firenze), sul settore dello spettacolo, il più colpito, insieme al turismo, dall’emergenza Covid. “In questi mesi più che mai, è emersa alla luce l’estrema frammentazione del mondo dello spettacolo, che include anche tanti invisibili, montatori di palcoscenici, tecnici audiovisivi e tutti quei professionisti indispensabili nell’organizzazione e nel successo di manifestazioni di ogni dimensione – ha esordito Demetrio Chiappa – Abbiamo raccolto il loro grido di allarme”.

“Oggi presentiamo pubblicamente il manifesto del Forum – ha continuato Paolo Fresu – che parte dallo Statuto sociale degli artisti europei firmato il 7 giugno 2007. Il fatto di avere una data, quella del 15 giugno, come ipotesi di ripartenza, è una piccola luce in fondo al tunnel. La ripartenza deve cambiare totalmente lo status degli artisti. Non possiamo dimenticare che i lavoratori dello spettacolo non hanno solo doveri, ma anche diritti. E dobbiamo farlo tutti insieme”.

Il Forum dell’Arte e dello Spettacolo si manifesta come un progetto inclusivo che mira a raccogliere in un unico coordinamento i diversi attori e le filiere del mondo dello spettacolo. Oggi coinvolge tutti i protagonisti del mondo della musica, a partire dagli artisti e i tecnici dello spettacolo, passando per agenti, manager, discografici, organizzatori di eventi e promoter fino ai live club, festival indipendenti e uffici stampa. Il Forum, inoltre, abbraccia più generi musicali, jazz, classica e pop, e raccoglie le istanze anche dei rappresentanti di attori, ballerini e del mondo delle arti e spettacolo dal vivo nello spazio pubblico.

error: Il contenuto è protetto.