DOCCOM
AGENZIA
DI COMUNICAZIONE
A RISORSE ILLIMITATE
Seguici sui social

info@doc-com.it

Cerca

Il periodo delle Feste è il momento perfetto per organizzare un’esperienza di soggiorno emozionante in alcune delle più belle città italiane, Bologna, Firenze, Genova e Verona: Il gruppo Duetorrihotels ha in serbo quattro proposte per una vacanza originale nel segno dell’arte, della musica e della cultura.

Bologna, Grand Hotel Majestic “già Baglioni”

Tante le idee gourmet per il periodo di Natale e Capodanno: dal rituale del tè di Christmas Decorations (7 dicembre), preparato insieme a Etiquette Academy Italy e Dammann Frères, ai Brunch, due a tema Natale (8 e 22 dicembre) e uno organizzato dopo Capodanno (1 gennaio), sempre in collaborazione con Etiquette Academy. Non mancano gli appuntamenti della tradizione, con i loro menù. Se la cena della Vigilia, il 24 dicembre, è dedicata prevalentemente al pesce e ai crostacei, il pranzo del 25 dicembre richiama fortemente la tradizione emiliana e bolognese, mentre il Cenone di San Silvestro segue un’ispirazione più contemporanea e ricca d’estro.

Firenze, Bernini Palace Hotel

Per il pranzo di Natale si possono assaporare piatti che si richiamano alla tradizione e speciali ricette a tema, mentre la cena di Capodanno è dedicata agli abbinamenti più originali, con una palette di aromi che spazia dal tartufo nero al cerfoglio, dal mango al lime.

Verona, Due Torri Hotel

L’Hotel ha ideato anche speciali proposte gastronomiche che riguardano il mondo professionale e degli affari, dai cocktail – in versione classica o “rinforzata” – alle cene aziendali, con tre menù differenti tra i quali scegliere: occasioni preziose per scambiarsi gli auguri con i propri colleghi e collaboratori in una cornice scenografica. Il Due Torri Lounge & Restaurant ospita invece un Gran Galà di San Silvestro, una cena accompagnata dalle note dell’Elena Bruk Quartet.

Genova, Hotel Bristol Palace

 Il menù del pranzo natalizio alterna piatti più tradizionali, come il cappon magro della tradizione, in Bellavista, al raviolo di Paganini “al Tocco”, realizzato su ricetta del Maestro in persona, o al risotto Carnaroli versione invernale, con zucca, Castelmagno e Crumble di Amaretti di Sassello. Non mancano i brindisi, oltre che il panettone genovese, tondo e basso, detto pandolce, e il pandoro di Verona. A Capodanno i festeggiamenti si abbinano alla musica dal vivo, con un repertorio che spazia dai classici al jazz.

error: Il contenuto è protetto.